Traduzione da Gibran, "Il matrimonio"

Matita

Il matrimonio

E Almitra parlò ancora e disse: “ E del matrimonio che ci dici, maestro?”
Ed egli rispose così:
“Voi siete nati insieme e insieme sarete per sempre.
Siete insieme quando le bianche ali della morte disperderanno i vostri giorni.
Sì, sarete insieme anche nella memoria muta di Dio.
Ma fate che ci sia spazio nel vostro essere insieme
e che i venti dei cieli danzino tra di voi.
Amatevi l’un l’altra ma fate che il vostro amore non sia un cappio:
fate che sia un mobile mare tra le vostre spiagge.
Colmate l’uno la coppa dell’altra ma non bevete da una coppa sola.
Date l’uno all’altra il vostro pane ma non mangiate dalla stessa forma.
Cantate e danzate e siate lieti ma fate in modo di essere soli,
perfino le corde di un liuto sono sole, anche se vibrano alla stessa musica.
Offrite il vostro cuore ma fate che non sia custodito dall’altro
perché solo la mano della Vita può contenere i vostri cuori.
E state insieme ma non troppo vicini:
perché pilastri del tempio sono distanti
e la quercia e il cipresso non crescono l’una all’ombra dell’altro.”

Tag argomento: