Traduzione da e.e. cummings

Matita

rendo grazie a Te, Dio, per questo più sorprendente

rendo grazie a Te, Dio, per questo più sorprendente
giorno:per gli esuberanti spiriti verdosi degli alberi
e il celeste sogno del cielo;e per tutto
ciò che è naturale che è infinito che è sì

(io che ero morto sono ancora vivo oggi,
e oggi è il giorno natale del sole;è il giorno
natale della vita e dell’amore e delle ali:e della gaia
grande illimitatamente verificantesi terra)

come potrebbe mai assaporante senziente udente vedente
respirante un qualche –sollevato dal no
di tutti i niente–essere così umano
dubitare dell’inimmaginabile Te?

(ora gli occhi dei miei occhi sono svegli e
le orecchie delle mie orecchie sono aperte)

Tag argomento: